Le variazioni di ritmo in collina

Data 28/12/2009 22:00:00 | Categoria: Allenamento


Le ripetute in collina. Istruzioni e considerazioni

Le variazioni di ritmo in collina

Vediamo 15 motivi per i quali può essere utile inserire delle variazioni di velocità in terreno collinare.

A mio parere è una seduta interessante da proporre perché oltre a tutti i benefici che apporta è una valvola di sfogo per la mente.

Il terreno nel quale è svolta rappresenta una cornice ideale per eseguire un allenamento in libertà, fuori da distanze segnate sull’asfalto o in pista.

Correre in mezzo agli alberi ed alla natura, magari insieme con altri compagni di corsa, costituisce un divertimento ed allo stesso tempo un tipo d’allenamento prezioso per tutti i meccanismi fisiologici che va ad innescare.

Ecco una sintesi degli aspetti coinvolti in tali sessioni di allenamento:

Trovare un percorso filante e con un continuo cambio di pendenze

Pendenze ideali dal 3 al 6%

Totale del lavoro consigliato da 1h a 1h45’

Le variazioni possono essere suddivise anche in più serie (esempio: 10x30”x2 serie recupero 1’30” fra i cambi di ritmo e 10’ fra le serie)

Oltre al continuo alternarsi di salita e discesa è utile cambiare il tipo di fondo sul quale si corre per creare maggiori adattamenti a livello reattivo

Bisogna prestare attenzione se ci sono stati recentemente infortuni: questo tipo di allenamento sollecita tendini ed articolazioni

Questo tipo di seduta fa bene al cuore perché lo costringe ad un continuo cambio di frequenze regalandogli efficienza e prontezza prestativa

E’ utile per le fibre muscolari che lavorano con ricambio sistematico secondo le intensità d’esecuzione studiate

E’ un allenamento prezioso per la forza muscolare che è richiamata per combattere la forza di gravità quando si sale e per “tenere” il corpo quando si scende

Il continuo cambio di pendenza implica un frequente alternarsi di frequenza e ampiezza del passo andando a far lavorare in maniera capillare tutta la muscolatura degli arti inferiori

Le braccia vengono sollecitate perché in salita devono assecondare l’azione ed in discesa servono per dare equilibrio e per facilitare la direzione da tenere, importanti specialmente in percorsi tecnici

Aspetto da non sottovalutare il diverso tipo d’appoggio a terra, avampiede per la salita e introduzione con il tallone per la corsa in discesa

Ne viene fuori un lavoro di tipo estensivo in quanto sono compiuti un ragguardevole numero di km

Eseguendo variazioni di velocità a buona intensità con recuperi stretti possiamo andare a sviluppare la potenza del motore aerobico fino a richiedere energie da meccanismi a debito energetico

Sono sedute che possono essere svolte in compagnia, ognuno seguendo i propri ritmi nelle variazioni per poi compattarsi di nuovo nella fase di corsa semplice





La fonte di questa news è G.S. Orecchiella
http://www.gsorecchiella.com

L'indirizzo di questa news è:
http://www.gsorecchiella.com/modules/news/article.php?storyid=9